fbpx

“LE AUTORITÀ CANTONALI HANNO DETTO SÌ. LA MACCHINA ORGANIZZATIVA PROCEDE CON LA RAPIDITÀ DI UN JET E CON L’ENERGIA DI UN CATERPILLAR.”

Perdonateci lo sfogo infantile, ma siamo troppo contenti, come un bimbo di fronte alla sua prima bicicletta. È troppo grande la gioia di potervi confermare che dal 15 al 18 ottobre i più grandi Bikers si giocheranno il titolo europeo sui sentieri tra Tamaro e Ceneri. Venerdì 4 settembre una delegazione del nostro Comitato organizzativo, capitanata dal presidente Marzio Cattani, è stata ricevuta dal Direttore del Dipartimento delle Istituzioni, nonché presidente del Governo Cantonale, Norman Gobbi. Si è discusso soprattutto di sicurezza e di protezione della salute. Il Consiglio Federale ha allentato le maglie, ed ha delegato ai cantoni il compito di adattare l’applicazione delle norme previste riguardo al pubblico.  Visto con gli occhi di chi organizza possiamo parlare di bicchiere mezzo pieno. Non potremo puntare sulla folla oceanica che aveva salutato il Mondiale del 2003, ma possiamo con soddisfazione annunciare che le cavalcate di Nino Schurter, Jolanda Neff, Filippo Colombo e di tutte le altre Star, saranno costellate dalla presenza del pubblico. Ci hanno chiesto di essere rigorosi e attenti. Di selezionare, iscrivere, informare. Noi siamo pronti. Da alcune settimane i nostri esperti stanno lavorando ad un piano di fruibilità delle gare in totale sicurezza. All’incontro di Bellinzona erano presenti fra gli altri, anche il comandante della Polizia cantonale, Matteo Cocchi ed il Direttore di Ticino Turismo, Angelo Trotta.  Non è un caso. La posta in gioco è enorme. Dopo mesi di chiusure, rinvii e annullamenti, si torna a pensare positivo. L’Europeo di MTB sarà la prima grande manifestazione a carattere internazionale che si terrà in Svizzera. Un’occasione da non sprecare. Per mantenere viva la fiamma della passione. Ma anche per prolungare l’onda del successo estivo del nostro turismo, come sottolineano i dati emessi in questi giorni. Oltre 500 presenze fra bikers, allenatori, meccanici e dirigenti. Aggiungiamo famigliari, amici e appassionati. Ecco che ottobre potrebbe trasvestirsi da agosto. Noi ce lo auguriamo. Ve lo auguriamo.