fbpx

“Sarà un aspro duello franco-elvetico a caratterizzare le gare dei Campionati Europei”

C’è chi giura che su un tracciato tecnico come quello del Monte Ceneri, Nino Schurter non avrà rivali. La stessa persona, che la sa lunga, aggiunge che solo Mathieu Van der Poel potrebbe scippare il Titolo a Nino.
Gli organizzatori sono divisi tra il dispiacere di non vedere all’opera la giovane superstar del ciclismo a 360 gradi, e l’accresciuta speranza di legare il loro evento all’ennesimo trionfo del biker grigionese.

Non dobbiamo tuttavia dimenticare una cifra importante: le nazioni al via saranno 24.  Alcune di queste si presentano con giustificate ambizioni. Se i compagni rossocrociati di Nino Schurter possono vivere l’evento, grazie a lui, senza eccessive pressioni, lo stesso non si può dire per i francesi, dove la rivalità interna, la caccia all’eredità di Julien Absalon, è asperrima. Koretzky, Tempier, Marotte, Carod, Sarrou, sono tutti uomini da podio. 

La Francia sarà indiscutibilmente il faro della prova regina al femminile. Tre generazioni, si fa per dire, di campionesse: la 31enne Julie Bresset, (oro olimpico ai Giochi di Londra nel 2012) sogna di tornare grande; la 28enne Pauline Ferrand-Prévot, vuole riaffermare la sua supremazia; la 21enne Loana Lecomte, vorrà dire “Ehi, ci sono anch’io! Per tutti gli altri resteranno le briciole? No, come detto, sull’esigente tracciato del Monte Ceneri ci sarà battaglia rovente. I fratelli, Flückiger, Lars Forster, Gerhard Kerschbaumer, Luca Braidot, Simon Andreassen, Evie Richards, Anne Terpstra, Sina Frei, Alexandra Keller, Jolanda Neff, non hanno nel DNA la vocazione di una comparsa.

Dimenticavo, fra gli uomini, il duello che lo scorso anno ha caratterizzato tutta la stagione U23:  il rumeno Vlad Dascalu, campione mondiale, europeo, e vincitore della Coppa del Mondo, accetta la sfida del ticinese Filippo Colombo, secondo in tutte le circostanze. Al primo anno fra gli Elite, Colombo sembra aver assorbito meglio il salto di categoria. Lo poniamo fra i potenziali top 5. Non lo dice solo il cuore. Lo ribadisce anche la ragione. Il ragazzo è nato sul percorso degli europei. E questo, se ci sono gambe e buona sorte, è un atout straordinario.

Ci sono ancora posti per tutte le gare da giovedì 15 a domenica 18. Su www.biglietteria.ch

https://biglietteria.ch/evento/campionati-europei-di-mountain-bike-2020-2020-10-15-monte-ceneri/4922/detail